Cerca nel blog

lunedì 4 agosto 2008

Genova





Questa è la veduta dell'agriturismo nel quale allogiavo scattata proprio il giorno del corteo che fortunatamente non era soleggiato!

Qualche scatto qua e là del porto e della città.

La fontana che fa da sfondo alla sucessiva foto dove ci siamo io e il fumetto!



In testa al corteo Haidi Giuliani ha voluto con se Rosa madre di Dax, Stefania madre di Renato, Iaia sorella di Iaio e...



L'arrivo in piazza Alimonda e poco prima un emozione enorme assalirmi, l'aria era allegra come una festa, un inno alla vita e i suoi valori, voglia di lottare e di non arrendersi, persone di ogni età persino un tenerissimo bimbo con una maglia rossa...


Ma non solo italiani, al corteo si sono uniti anche dei ragazzi e ragazze, non ricordo bene di quale nazionalità ma portavano una maglietta col retro stampato il numero 25 che alcuni smemorati in borghese non riuscivano a collocare... ma meglio di me può rendere questo articolo!


In fine il dopo, si, il dopo, alcuni reduci, nonostante la piazza fosse quasi svuotata, hanno continuato a inneggiare alla vita improvvisando canti e balli... Tutto in modo molto spontaneo, scanzonato ma con un velo malinconico per quello che è purtroppo accaduto e non sarebbe dovuto accadere...

Poi cena alla "Burrida" un centro sociale di Genova, e li incontri, chiacchere, risate, riflessioni...

28 commenti:

wilson ha detto...

Cara Ishtar eri a Genova per una nobile causa oltre che per turismo.
La foto con il fumetto come mai è cripttata?

Ishtar ha detto...

Wilson
in verità ero a Genova soprattutto per il corteo, poi c'è stato anche il tempo di visitarla, la foto criptata per nobili ragioni di cui un giorno se metterai una mail nel tuo profilo ti racconterò privatamente...
Ciao

sirio ha detto...

Ciao Ish,nobile motivo e un bel reportage fotografico su Genova!
Ho appena letto da luigina il calvario di tua sorella,mi dispiace tantissimo.
Ciao,buon pomeriggio!
sirio

ASTERIX ha detto...

ciao ,passando da stella incuriositi dal nome siamo passati a sbirciare da te.ottimo blog continua a cosi se vuoi ti linkiamo tra i nostri blog amici.
ps .se passi da noi ritira il codice per il premio blog amico e grazie ancora
dixdipcpervoi staff

acquachiara ha detto...

E si.....quando si è streghe dentro se è streghe e basta .... ahahahah
ciao piccola ;-)

Hai ammorbidito con qualche panorama, ma anche trasmetti un messaggio bello chiaro, Genova a pieno diritto fà parte della storia che le immagini che ho pubblicato raccontano in silenzio, la matrice è la stessa, si è voluto che i fatti accadessero come allora si prendevano a randellate gli studenti e gli hippy che seduti per terra protestavano contro la guerra in Vietnam, non è cambiato nulla, il messaggio è sempre il medesimo " noi siamo il potere e voi siete dei cogli.... e dovete subire e basta"
Ma quegli anni hanno insegnato qualcosa specialmente a chi esercita quel potere oggi e non si deve più permettere che possa tornare a diffondersi una protesta unita e globale come lo è stata in quegli anni, prima del 68 perchè il 68 è stata la morte di quel sogno :-))))

streghetta ha detto...

Ciao compaesana.:-) sei sempre più in gamba..Notte

Ishtar ha detto...

Ciao Sirio
in effetti oggi sono leggeremente in ansia e capita di rado...non è un buon segno ma pregherò tanto anche se oggi lavoro, ma come finisco subito in ospedale, speriamo bene
Ciao
............
Asterix
ben arrivato
ciao
........
AC
io non vorrei che si arrivasse alla guerra civile non che le persone prendano coscienza ricordando quanto fecero per noi a quei tempi!
E se una streghetta lo è dentro lo rimane anche fuori ahahah
Ciao
........
Streghetta
ciao :)

Cesco ha detto...

Certo vista con altri occhi non sembra poi così male Genova, forse il mio brutto ricordo era per il fatto di lavorare in un cantiere che non mi piaceva. Su Carlo Giuliani... non mi esprimo, mi spiace... ma a volte si tende a mitizzare e a eroicizzare, e questo spesso snatura i fatti.

Ishtar ha detto...

Cesco
io penso che una vita abbia un valore che supera tante cose, nulla può e deve giustificare levare la vita a chichessia nemmeno al peggiore degli uomini, solo Dio e o madre natura nel loro corso naturale della vita possono nessun altro si deve arrocare questo diritto!
Io non sono per i santi non sono per questa terra per questo sono pochi ma non tollero che si pensi che togliere la vita uccidere una persona possa essere minimamente giustificabile da qualsiasi cosa.
Io non ho conosciuto Carlo ma mi sta indifferente il chi fosse, io ero li perchè una vita è sacra comunque è sempre, nessuno me ne ha parlato come un mito ma come un ragazzo di 17 ne di più ne di meno, nessuno ha parlato di santi ma di un ragazzo e basta!
Spero che ci siamo capiti a sufficienza senza entrare in dettaglio, io detesto i pregiudizi e chi se ne fa scudo per minimizzare l'aver tolto una vita, questo non ha giusificazioni!
Ciao

Ps: sarò un pò assente la mia testa è con mia sorella per cui a domani.

Cesco ha detto...

Come ho detto, Ishtar, non volevo esprimere il mio giudizio, che infatti non era contenuto nel mio commento, è solo che può essere interpretato male, e qualcuno potrebbe offendersi. Perchè è vero che il G8 aveva qualcosa che non andava, è vero che un ragazzo di 18 anni non doveva morire ed è anche vero che un carabiniere inesperto non poteva essere messo lì per fronteggiare un emergenza di tale portata, qualcuno però sembra dimenticare che quel ragazzo sull'onda dell'euforia della manifestazione ha assaltato deliberatamente una camionetta dei carabinieri. E qui mi fermo, punto e basta. Resta comunque il fatto che lui è stato beatificato e il carabiniere linciato. Come resta comunque il fatto che la colpa è di chi non ha saputo contenere i disordini, e come resta comunque il fatto che c'erano migliaia di persone che i disordini li hanno creati. L'uomo è buono, ma la massa è una bestia, perchè il gruppo porta spesso ad una sensazione di invincibilità e di impunibilità e questo lo vediamo spesso negli stadi di calcio.

Se qualcuno è rimasto urtato dalle mie parole, mi spiace, ma io guardo la realtà.

Ishtar ha detto...

Cesco io conosco un altra versione documentata ampiamente andata persino in onda su Anno Zero che ti inviterei a guardare se volessi continuare la "discussione" hai la mia mail e li possiamo parlare liberamente lo preferisco!
Dopo ovviamente che avrai visto attentamente la puntata andata in onda su Anno Zero si intende...
Ciao

vagamundo ha detto...

Sulla morte di Carlo molti vorrebbero stendere il veto (im)pietoso dell'oblìo... Non sopporto i simboli e i martiri... preferisco ricordare i fatti... e i fatti sono che quel giorno a Genova si sono fatte le prove generali di sospensione a tempo indeterminato della democrazia... Un po' come i nazisti che a Guernica fecero le prove del proprio potenziale bellico in vista della campagna che avrebbe portato alla 2a guerra mondiale...

Comprendo il punto di vista di Cesco, ed anche quello della nostra padrona di casa... ma Genova non è stato solo quello... il carabiniere inesperto messo lì apposta non è stato linciato, ma protetto (è stato assolto perché ha sparato in aria e il proiettile e' rimbalzato su una pietra che volava di lì per caso, mi pare.... MA ANDIAMO!)
E degli scempi perpetrati alla scuola Diaz, non ne vuole discutere più nessuno? Ah già, anche in quel caso la verità sarà prescritta in nome di un "legge" che con il diritto non ha nulla a che fare....

Mi scuso per essermi dilungato.. il resto vorrei scriverlo ma lo lascio al silenzio del mio dolore privato e della mia intelligenza ancora non del tutto sopita.

Kat ha detto...

io li ci vivo.
al g8 non ero presente perchè fuori ge per lavoro, altrimenti ci sarei stata, e chissà che nel mucchio qualche randellata in faccia non me la sarei presa anche io.

purtroppo il discorso giuliani è molto complesso, non credo si riduca ad un 21enne morto per errore (non ci si para davanti alle forze armate con il viso coperto ed un estintore in mano anche se questo, ovviamente, non giustifica la sua morte)nè ad un ragazzo inesperto nel centro del caos.

qui ci sono stati servizi e documentari di ogni genere, mai preziosi come la voce delle persone presenti.

il g8 è stato un delirio.

organizzata assurdamente male la difesa, in ogni parte.
molti partecipanti alla manifestazione erano chiari esempi di vandali da marciapiede (auto e cassonetti in fiamme, furti nei negozi, razzie) che niente avevano a che vedere con l' importanza di manifestare quel giorno.
d' altro canto la polizia ha dato evidenti segni di inadeguatezza manganellando persone a terra disarmate, donne, ragazzi...uno schifo.la gente nelle case aveva paura, c' erano vere e proprie trincee, guerriglia urbana malcelata.

scusate lo sfogo, ma in mezzo ai lacrimogeni c' erano anche i miei amici...è impossibile però schierarsi, gli errori ci sono stati su entrambi i fronti.

carlo non doveva morire, ma non avrebbe dovuto far parte degli agitatori.

preferisco ricordare la meravigliosa marcia su roma per la pace...non riesco a pensare a niente di buono ottenuto con la violenza.

spero di non aver offeso nessuno.

Cesco ha detto...

Comprendo il tuo punto di vista, e anche quello di vagamundo, ma probabilmente non avete capito il mio. In quella strada c'erano disordini, Carlo Giuliani faceva parte dei disordini, la sua morte è stata una tragica fatalità, nella quale la stessa vittima ha avuto qualche responsabilità. Quando parlavo di linciaggio del carabiniere, mi riferivo ovviamente a quello dell'opinione pubblica. Gli altri episodi non hanno nulla a che vedere con la sua morte, e il fatto che ci siano state delle ingiustizie nei confronti di gruppi pacifici non autorizza nessuno al ricorso della forza, ma andiamo!!! Sembrava di assistere alla guerriglia urbana di Baghdad! STOP...

Anonimo ha detto...

caro cesco, esiste un documento filmato, facilmente reperibile sul web - e a disposizione dei giudici di genova - in cui è chiarissimo che carlo raccoglie l'estintore solo dopo aver visto la pistola. i disordini non erano un evento ineluttabile ma - secondo quanto dice la sentenza del tribunale che ha assolto alcuni manifestanti dal reato di resistenza - erano stati creati ad arte e illegalmente da un drappello di carabinieri che hanno esploso almeno 14 colpi di pistola senza motivo e ragione e si sono recati a genova con armi improprie, per esempio tondini di ferro "travestiti" da sfollagente grazie al nastro isolante nero. il carabiniere non è stato linciato dalla stampa e non era inesperto: era l'esperto d'armi del suo plotone comandato da veterani delle cosiddette missioni di pace e i cui nomi ricorrono nelle inchieste sulle torture ai civili somali inflitte da "nostri" ragazzi parà. la disinformazione snatura i fatti e annebbia le nostre coscienze. che altro ti serve per indignarti come cittadino? A Genova è stato commesso un omicidio ma qualcuno lo ha voluto archiviare negando persino un pubblico processo. Carlo non è un mito. i miti non dovrebbero esistere. dovrebbero esistere cittadini che facciano sentire la propria voce, che si organizzino, che impediscano che qualcuno scriva la storia al posto loro. quello che è accaduto a Carlo potrebbe accadere a chiunque se saremo soli di fronte ai poteri forti. chi lo ha ucciso è lo stesso che ha armato i due balordi fascisti che hanno accoltellato Renato Biagetti, usciva da una festa in spiaggia e s'è beccato 8 coltellate mortali. Ma sono gli stessi che, in queste ore, stanno varando una norma che impedisce ai precari di fare causa per trasformare il loro posto di lavoro da intermittente a tempo indeterminato. Gli stessi che, a nome anche tuo, fanno la guerra in iraq e in afghanistan, che sfruttano i migranti per poter sfruttare meglio anche te.
a tua completa disposizione, se ishtar lo permette (il suo è uno dei blog più interessanti e profondi), per ogni chiarimento sui misfatti genovesi.
ebbada

Ishtar ha detto...

http://www.annozero.rai.it/category/0,1067207,
1067115-1075605,00.html
Prima di fare la mia ultima precisazione andate a guardare qui con i video connessi.
Aggiungo solo che un amico giornalist a presente, serio che fa inchieste su casi le cui verità tardano ad emergere...che alcuni agenti che non avevano nulla da nascondere, andarono a fracassare i computer di colleghi anche del suo, caso volle che fortunatamente fecero in tempo a fare i back up...
.......
Sul passamontagna mi sono informata da persone che partecipano alle manifestazioni ed mi hanno spiegato che passamontagna e pezzetto di limone sono un buon deterrente per i probabili lacrimogeni che le forze dell'ordine sono consueti ad utilizzare come mezzo di sedazione dei manifestanti.
............
Sulle persone che vennero accusate di atti vandalici e devastazione, c'è il collegamento col n° 25 che alcuni ragazzi si sono stampati sul retro della maglia in segno di protesta al fatto che di questi vennero presi alcuni a caso senza che con le devastazioni avessero nulla a che fare.
.....
Su Carlo che si difese per istinto di sopravvivenza con l'estintore dico che non tutti avrebbero avuto la stessa prontezza...meglio farsi ammazzare, no?
..........
Vi chiedo veramente andate a vedere il link seguite bene la puntata ascoltate il passaggio delle chiamate tra la sede centrale delle forze dell'ordine che dovevano dire a chi stava nel posto come muoversi, stranamente si comportarono diversamente...
Tanti punti oscuri e distorti...
........
Sia per chi sa chi sono che per chi non lo sa io dico che io non credo alle varie versioni ufficiali confezzionate ma a quella emersa dai filmati andati in onda ad Anno Zero si!
.........
Qui spero di aver chiuso questa polemica, sapete che non le amo anche se è sempre importante esprimersi e confrontarsi...
........
Per mia sorella tutto bene, ora inizia la convalescenza, ciao

Ishtar ha detto...

Ebbada
lo permetto e come, preferivo non essere io a puntalizzare perchè non seguito e non conosco i fatti bene come te che li c'eri!
Per cui se volete continuare in questi toni io approvo, l'informazione è fondamentale per tutti anche per me!
Grazie anche a Vagamundo
che ha fatto un altra sottolineatura non di poco conto quando parla di minare la democrazia, è proprio quello che è accaduto dal lato della mia ignoranza!
Ciao e grazie ragazzi per il supporto :)

Cesco ha detto...

Ok, tronchiamo la polemica.

streghetta ha detto...

Ciao compaesana;)

sirio ha detto...

Ciao ishtar,passo per augurarti buona notte.
A te e pure a tua sorella...forza!
Un abbraccione.
sirio

acquachiara ha detto...

Lungi da me pensare ad una guerra civile, vorrei solo che di fronte all'ingiustizia e alla falsa democrazia ci fossero più persone a dire " non lo accetto ne per me ne per gli altri".
Genova non è stato un esempio di democrazia ma un'affermazione di potere ( non mi riferisco al caso di Giuliani) pilotato e voluto per dimostrare a tutti che non è possibile una disobbedienza civile pacifica e non violenta, si è lasciato deliberatamente passare personaggi ben conosciuti e magari anche inserito agitatori.
Se veramente non si volevano problemi non si sceglieva una città stretta e tortuosa come Genova, la tenuta presidenziale ha migliaia di ettari intorno e nessuno avrebbe potuto avvicinarsi o bastava scegliere una delle tante basi Americane visto che le abbiamo in casa.
Si è cercato il caso a tutti i costi e qualcuno ha perso la vita mentre qualcun altro ha un morto sulla coscienza senza saperne perché.
E' dagli anni sessanta che questa pratica e di uso comune per pilotare l'opinione pubblica e far passare ancora più restrizioni in nome di non si sa quale sicurezza.

Elsa ha detto...

Carissima...le foto di genova...un tuffo al cuore... sai laggiù ho molti parenti, da piccola mi ci fiondavo spesso. Conosco bene quei luoghi...Conosco il colore del mare visto dai monti...una distesa infinita.
per quanto riguarda il corteo, certo l'argomento è delicato...molto direi.
Mi farebbe piacere se a te è servito per un altro argomento (tu sai)...Genova ha tirato su un cantautore che amo.
mille baci sorre.

Nella ha detto...

Sei grande Ishtar

Ishtar ha detto...

Cesco
non preoccuparti è tutto ok.
........
Streghetta
ciao anche a te!
.......
Sirio
grazie, ma tranquillo noi sorelle siamo tutte forti, anche fin troppo!
Pensa che si è voluta alzare il giorno dopo dell'intervento e ieri altri progressoni!
Ciao
........
AC
grazie anche a te per il tuo contributo, ciao
.....
Sorre
lieta di averti fatto cosa gradita per il legame che hai con questa città!
Diciamo che mi è servito partecipare per la mia anima...il resto penso che ci si incontri tra persone che vivono e hanno vissuto certe esperienze...
Ciao
........
Nella
non esageriamo e poi mi sa che anagraficamente...hahah
ciao :)

il Russo ha detto...

A rivedere le tue foto cresce il rimpianto di non avere incontrato e conosciuto quel giorno una bella persona come te, si sente che hai partecipato al tutto al 110 %, l'anno prossimo ci si becca in piazza Carlo Giuliani e si beve insieme un bel bicchiere di vino di quelli che davano i ragazzi del Buridda in ricordo di Carlo!

Ishtar ha detto...

Russo
è stata un emozione indescrivibile...ho fatto anche due filmati chissà come sono venuti!
Sarà un piacere incontrarti con la speranza di poter essere presente anche l'anno venturo...
Comunque c'era tanta di quella gente che non avendomi mai visto sarebbe stato veramente il destino incrociarci ma privatamente ti do degli indizi...
Ciao

Franco Zaio ha detto...

Le ferite del G8 sanguinano ancora, mi pare.
PS Ci dici com'è e dov'è l'agriturismo?

Anonimo ha detto...

Ciao tesoro sono rientrata ieri e questa sera mi sono soffermata sul tuo blog.
Bellissime le foto ma ancora piu' bello e' l'energia pura delle emozioni provate.
Su Carlo avete gia' detto e precisato tutto, Vagabundo ha espresso il mio pensiero.... quel giorno e' morta la seppur minima parvenza di democrazia.
Ebbada carissimo, a te cosa posso dire se non GRAZIE di esserci sempre e comunque, grazie per aver ricordato Renato mio figlio, grazie perche' chiarisci sempre di chi sono le mani lorde e chi le arma.
Si avvicina il 27 e i giorni che lo precedono sono interminabili, riempiti solo dall'amore PER CHI DOVEVA ESSERCI, ma che all'alba di una notte di fine estate qualcuno frustrato da ideologie sessiste razziste e fasciste ne ha decretato la fine.
Accomunare Carlo a Renato e' un onore, perche' anche lui nel 2001 voleva essere a Genova, ma la mia paura lo ha fermato.
Scusami Re' ti ho negato un'emozione ma non sono riuscita a salvarti dalle loro metodiche, quel giorno 21 luglio il copione era stato gia' scritto, non si sapeva solo il nome del morto.
Carlo carissimo ancora ricordo quell'urlo agghiacciante e il tuo corpo steso sull'asfalto......impresso nel video.
Genova era stracolma in quei giorni, tutte le associazioni i comitati di pace E LE SINGOLE PERSONE erano riuniti...QUESTO DAVA FASTIDIO.
Infiltrazioni, interferenze comandi dati dalla regia hanno decretato LA FINE.
Rimangono le idee e i sogni questi non si possono uccidere.
Piazza Carlo Giuliani per sempre nei cuori.
Con rabbia ma con tanto amore.......CIAO RAGAZZI TUTTI VITTIME DELLA VIOLENZA MASCHERATA DI PERBENISMO.
Stefania

Precisazioni

Questo blog non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.

L'autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti "linkati".

Buona lettura e buon divertimento!