Cerca nel blog

mercoledì 16 gennaio 2019

Figli: atto d'amore o d'egoismo?

Bella domanda. Me la sono posta spesso, anche a furia di osservare i più svariati motivi che hanno portato un figlio nella vita altrui.
Alcuni per mancanza di realizzazione personale, facendone l'unica ragione di vita, sostituendosi al figlio, o facendo a lui realizzare i proprio sogni...
Altri per placare una crisi di coppia...che grave immaturità!
Certi perché l'orologio biologico iniziava a rintoccare verso gli anta... come se fosse un dovere assoluto dell'essere donna! o magari perché i genitori, tutti se lo aspettano, pressano...
Qui mi fermo, se no la lista sarebbe troppo lunga :P
Ma un figlio è un dono che non ci appartiene, che arriva per sconvolgerti la vita, per ridisegnare le priorità, per insegnarti il vero amore, per non dimenticare il tuo lato bambino...Non è uno scherzo, uno sfizio...perché le relazioni sono fragili come le persone che le compongono, e possono terminare in un attimo, ma i figli sono per sempre, non dimentichiamolo! Non arrivano con il libretto delle istruzioni, e guarderanno tutto il nostro operato con la lente di ingrandimento, da giudici implacabili, che assorbiranno il nostro esempio...
Io sono zia e prozia, non ho figli e sto arrivando agli anta. Eppure lo sogno da bambina, ma forse era un sogno idealizzato, molto comune e femminile... Credo che, la reale voglia sia arrivata qualche anno fa, quando si addormentò tra le mie braccia la figlioletta di mio nipote. Un emozione così bella, pura e travolgente, penso di non averla mai provata prima. Confesso che se il destino me lo concedesse,  farei subito un figlio, non col primo che capita ovviamente :P Non priva di timori si intende.
Se penso alla mia vita, di come, probabilmente senta troppo pesante, portare un carico, che non mi compete, per mancata o inadeguata evoluzione spirituale...mi sento folle! Sarebbe più logico voler pensare solo a me stessa. Eppure, a furia di ragionamenti sono arrivata ad una conclusione: nonostante saranno tante le difficoltà, forse è il mezzo modo che la vita mi offrirà per poter diventare una persona migliore :P

domenica 23 dicembre 2018

Esiste la felicità?

Credo che in molti perdano troppo tempo ed energia alla ricerca della felicità. E questo forse perché ci si illude che essa possa essere qualcosa di duraturo. Come se essa dipendesse o meno da noi..
Ciò che possiamo anzi, dovremo fare, è predisporci alla gioia, la capacità di godere delle piccole felicità che la vita ci offre nel quotidiano. Riuscire a godere della bellezza di un tramonto, della poesia che la natura costantemente ci dona, e che l'uomo può solo cercare di imitare, attraverso le varie forme di arte, questa è consapevolezza! Per cui aspettarsi necessariamente cose eventi grandiosi, che non arrivando, giustificano l'atteggiamento negativo pessimista della vita, ci priva del bello che ci passa sotto gli occhi. Queste gioie, queste felicità, altro non sono che balsami lenitivi, che carezzano le ferite dell'anima, che rigenerata, procede fiera.
Le difficoltà, le sofferenze, sono lo strumento che la vita ci mette a disposizione per apprendere la lezione del momento. Del resto l'uomo ha una natura pigra e se stesse bene ozierebbe e basta!
Possiamo forse cambiare il destino? possiamo scegliere cosa provare e per chi? siamo veramente liberi di scegliere?
Per me abbiamo solo due opzioni, o lasciarci travolgere dalla vita, o sopravvivere ad essa riuscendo a trovare varie sfumature alle situazioni che, inizialmente riusciamo a percepire solo in modo negativo.
Possiamo anche scegliere come arrivare ma non dove...gira che ti rigira,  il destino decide per noi.
Comunicare con noi stessi, interrogarsi, cercare di capire il perché o cosa abbiamo da apprendere in un determinato momento, ci permette di trovare la serenità, e quindi creare lo spazio nel nostro cuore per la gioia  :)
Non ho la presunzione di essere la detentrice unica della verità inequivocabile e o uguale per tutti.  Esprimo il frutto delle mie riflessioni. Essendo tutti diversi, sarebbe impossibile che le mie risposte, possano essere le stesse e o valide per tutti.
Ma se solo per qualcuno, il mio pensiero potrà servire da spunto, per altre sfumature prospettive, ne sarei veramente felice :)
PS: non facciamo l'errore di cercare fuori qualcosa che abbiamo dentro noi stessi :D




martedì 25 settembre 2018

Un bel dono, un bel ricordo prima degli anta :)

Ogni tanto mi torna in mente quella canzone che era il mio tarlo fisso etichetta adolescenziale della brutta. Si cresce per fortuna, ma certe cose rimangono quasi come un ombra che spunta ogni tanto...
Ad oggi non posso dire di sentirmi bella, ma la consapevolezza di non essere mero corpo, ma anima che si mostra attraverso la personalità, che è quella che ci distingue, mi ha liberato dal condizionamento esterno estetico.
L'anno scorso finalmente ho conosciuto anche dal vivo un' artista amica, che riesce ad imprimere in ogni sua opera la forza, la bellezza che dall'anima fuori esce dallo sguardo: Jara Marzulli !
Mi ha scelta e voluta come sua modella, un onore, un piacere, un divertimento del tutto naturale, nella mia stanza trasformata in set fotografico, con l'assistenza della sua splendida figlia Maya.
Io non sapevo come sarei stata ritratta, da brava modella ho eseguito :D quindi è stata tutta una sorpresa emozionante. Iniziando dal titolo "Il desiderio di Ishtar" : desiderio inteso come consapevolezza, la fermezza di chi si accinge a seguire la sua meta: il forte senso di giustizia; Ishtar , personificare quella divinità che io scelsi come nick name in una fase cruciale della mia vita.
Proprio come facevano gli indiani d'America, che per segnare il passaggio della crescita evoluzione spirituale, abbandonavano il nome donato alla nascita per scegliersene un altro.
( Isha, tra le altre cose è pure il nome di una rivista on line di cui si occupa la stessa Jara.)



E' bello essere donna, sentirmi a mio agio col mio corpo, senza veli e senza filtri, il coraggio di essere me stessa... senza però scadere in quelle banalissime inquadrature da tipica gatta morta, che mi hanno sempre fatto pensare ad un salame esposto in vetrina pronto per la vendita...che dal mio punto di vista non hanno nulla di femminile.
E così è nata l'opera "Il desiderio di Ishtar" olio su lino ( 100x70 ) in mostra "AEQUILIBRIUM: acqua, terra, aria, fuoco" selezionata fra gli artisti della galleria KōArt: unconventional place per il progetto #WondertimeCatania dal 7
settembre 2018.




Sotto il link del video particolarmente emozionate dove la magica Jara è all'ora con questo quadro:

Ed eccola lei accanto ad uno dei suoi autoritratti :) .

Grazie Jara per avermi spogliato dipinto l'anima che non è condivisibile visibile a tutti !!!






Precisazioni

Questo blog non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.

L'autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti "linkati".

Buona lettura e buon divertimento!