Cerca nel blog

giovedì 26 giugno 2008

Riffettendo


E' tutto strano, nuovo, come se non lo avessi mai vissuto, la serentà importante, molto utile, ti fa affrontare le cose in modo differente...

Mi sono accorta che non tendo alla disperazione per carattere, appena ne avverto l'accenno e rifletto un pochetto, la mia parte razionale prende il sopravvento mantenendo il controllo.

Sai come quelle funzioni che metti in automatica per evitarti stress e perdite di tempo, ecco, sembra che un freno parta subito all'accenno di alcuni segnali!

Certo, detto così sembra bellissimo, ma ogni cosa ha i lati positivi come anche quelli negativi.
Infatti questo mi impedisce di affrontare quella fetta di dolore, tutta, che essendo ormai attecchita in modo molto solido e mimetico all'interno di me, non riesco a prendere in mano, guardare in faccia e affrontarlo!


Alcuni mi potrebbero dire che corro, ho troppa fretta di soffrire, ma penso che se non lo affronto non mi sentirò mai veramente bene, è come se la mia fosse una calma apparente.


Se poi contiamo che amo fare tutto da me, e non sopporto che nessuno mi veda in un certo stato, tutto si complica maggiormente.


In conclusione attendo il mio dolore, non vedo l'ora di affrontarlo e se continuo così mi sa che esploderà proprio quando non dovrebbe, ma se servirà a stare meglio, ben venga!

PS: la foto arriva dal blog di Alice non solo le foto sono interessanti ma anche quello che scrive, garantisco io!

21 commenti:

Lucignolo ha detto...

Descritto come l'hai "il dispositivo" è di molto perfezionabile !

Riprogrammare per una lenta disamina che alternata a sana incoscienza e spensieratezza, momenti per affrontare con tratti di consapevolezza quel dolore, così da parlarne in modo compiuto, per sviscerare, da sola e con chi senti vicino, con qualcuno capace di immedesimarsi che sia però anche ottimista possibilmente.

Click ?! Azz ! Non funz ?

A modo mio, se non ti distrugge, qualunque disagio,
conviene che lo affronti.

Per il resto c'è sempre il tempo...
e nuove occasioni.

ByBy

stella ha detto...

Vieni da me, per favore!

acquachiara ha detto...

Guarda che non è necessario il dolore, è solo un incidente di percorso, cercarlo e un'inutile e dolorosa perdita di tempo.
Credo che tu abbia già dato, io non sò cosa possa esserci sul tuo cammino, ma sappi che le battaglie che dovrai affrontare arriveranno da sole e non è il caso di andare a mettere il sedere in mezzo alle pedate :-))))

vagamundo ha detto...

Conosci la metafora del pozzo? Mi pare di avertela accennata in un'altra vita... devi scendere sul fondo del pozzo e da lí affrontare il buio, la paura,l'angoscia e intanto accumulare le energie per prendere la spinta per risalire...
1. Se ti affanni lungo le pareti perdi energie inutilmente.
2. Se ti butti giú per arrivare in fretta al fondo e ricominciare, sul fondo del pozzo ti sfracelli...

Ishtar ha detto...

Lucignolo
vedremo io mi auguro sempre di migliorare!
Vorrei affrontarlo ma se si nasconde che posso farci?
Ciao
.......
Stella
ho ubbidito e appena posso mi appunto il premio, grazie!
Ciao
.........
Ac
forse è meglio continuare il discorso privatamente!
Ciao :-)
.............
Vaga
ciao, in un altra vita...fammici pensare un pò...chissà!
Ma di sicuro ne abbiamo parlato!
I pozzi non mi piacciono comunque!
Ho letto nel link parti del libro dove si parla della "filosofia" baol...mi è piaciuto!
Ciao caro, stammi bene :-)

Elsa ha detto...

questo tuo stato d'animo...dimostra la forza che hai dentro...come sempre d'altronde.
nella vita si soffre ma se si ha il dono di saper voler bene a se stessi...e tu ora lo hai...pui affrontare tutto...se poi esploderai per un dolore...lascia che venga fuori...dopo starai meglio.
con affetto sorre
Elsa

acquachiara ha detto...

no problem, :-) era solo per sfatare il concetto che senza dolore non si cresce perché non è così che funziona, se ti va sai come rintracciarmi :-)))

ziorina ha detto...

Non dimenticare però, che il dolore va attraversato anche con la disperazione se arriva, far finta di niente e razionalizzare il dolore serve solo a rimandarlo ad altro tempo. Non penso sia un male far vedere la propria sofferenza, per intenderci non mi piace il detto "meglio fare invidia che pena", invidia di che...cosa vuol dire pena? Affonda nel tuo dolore ishtar, conoscilo e non averne paura, ogni sofferenza è li per insegnarci qualcosa di noi e tu hai detto che non si smette mai di imparare giusto? Secondo me quì stà la vera forza, se si sfugge come dici tu, esploderà proprio quando non dovrebbe, non permettergli di distruggerti ma usalo per ricostruirti.
Con affetto.

PAF ha detto...

Penso che forse è ora di accumulare le energie della sofferenza.
La forza de il dolore, la paura, il sentimento di essere perduto... é sempre dimenticata, ma credo nella necessità di ricordarne.
Nella società occidentale non sapiamo niente da questa força che é veramente imprescindibile per crescere.
Espero que no desaproveches la oportunidad de conocerte mejor, desde esa situación. Un fuerte abrazo, amiga.

stella ha detto...

Ciao,cara IS !

Ishtar ha detto...

Ciao sorre
spero solo che il dolore non scatti in pubblico è quello che detesterei, sono troppo orgogliosa...
ti abbraccio :-)
...........
Ac
ti ho appena scritto, attendo il responso!
ahaha
ciao :-)
...........
Paf
ha empenzado tu vacaciones? Verdad?
Tranquillo...no tengo miedo de sufrir, es que esperia hacerlo en mi soledad!
Pero no he empenzado mi vacaciones y por eso sigo aplazar
el blog!
E come si dice da noi: passerà!
Hasta pronto!

veronica ha detto...

io faccio lo stesso. Per esempio in questi giorni ho fatto finta che andasse tutto bene (quando invece ero preoccupata per mille cose) e ieri sera sono scoppiata.

Sai che ci serve? Sfogarsi su qualcosa o con qualcuno!

streghetta ha detto...

Come è andata mercoledì? Un caro saluto Cinzia.:-)

veronica ha detto...

PS: Meme per te!

Elsa ha detto...

sorre...se hai piacere spendi due parole per il mio ultimo post...
è un argomento tosto...per questo ho pensato fortemente a te.
un abbraccio forte.

elsa

Nella ha detto...

Molto dolore, molte cicatrici in cuore, molte cicatrici, molta esperienza, molta esperienza, molta maturità!
Smack

Anonimo ha detto...

a volte lo si sotterra perche' il riconoscerlo subito mette paura.
prima o poi lo si prende tra le mani e accarezzandolo gli si da un'appartenenza.
Ish. sicuramente non avverra' in pubblico ma se anche fosse non ci sarebbe nulla di strano, a volte e' benefico e liberatorio

Lucignolo ha detto...

...la sera annaffio il mio prato, quando ho finito, alzo la pompa e con un alto getto a campana vado a bagnar la strada oltre il cancello, qui Zipuò, nessuno si lamenta...

Speravo spuntasse un fiore delicato fra i ciottoli del selciato ma nulla ancora...

Ad ogni fiore la sua stagione.

Per altro, su consiglio di qualcuno ho dato aria ai miei scritti, ne ho sparsi un poco, sai che solo uno sul tavolo non piaceva, ed io non volevo che qualcuno pensasse che sono sempre così ordinato, tristo, rigido e cupo.

Ho visto che qualcuno se n'è accorto.

ByBy

Ishtar ha detto...

Ciao Stella
ho preso nota della tua mail cambiata!
Buona giornata
.........
Vero
so che è utile ma io sono complicata...
Però non amo tanto i meme :-(
ciao e buona giornata :-)
.......
Elsa
ti confesso che prima mi sono dovura rinfrescare le idee per capire di stessi parlano e ho lasciato due righe da te, ti abbraccio anche io, buon mare sorre :-)
.......
Nella
questo tuo commento mi ha fatto ricordare il tuo post sul cuore più bello!
Si comunque sono così matura che come un frutto sto per cadere dall'albero!
ahaha
Spero solo che sotto ci sia qualcuno pronto a cogliermi per evitare il disastrosto imppatto!
Buona giornata :-)
.....
Tesoro
io me lo auguro fortemente ma sono pronta ad accettare anche il contrario!
Non si può sempre controllare tutto, spero tu stia meglio!
Baci tesoro :-)
........
Lucignolo
Dici che non è ancora cresciuto un fiore delicato...ma guarda meglio, sono delicati solo agli occhi di chi riesce a scorgere alcune sfumature che non tutti riescono a cogliere!
E' vero era più triste con un solo post, invece così si respira vita!
Ciao

Ishtar ha detto...

Cinzia
che sbadata, ti avevo saltata!
Mercoledì è andata bene, immagino che sarai già abbronzata con le belle giornate che ci sono!
Io non ancora aspetto che le persona liberino la spiaggia il sole cali un pò e mi godo il mare come piace a me, anzi fra un pò mi preparo per la mia passeggiatina di circa 3 orette!
Diciamo che così nemmeno brucio la pelle, l'abbronzatura piange ma almeno sto bene!
Ciao e buon fine settimana

Nella ha detto...

Ishtar di certo ci sarà qualcuno a evitare l'impatto hihi vedi anche io come AC sono riuscita a farti diventare ironica ^__^

Precisazioni

Questo blog non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.

L'autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti "linkati".

Buona lettura e buon divertimento!