Cerca nel blog

giovedì 5 febbraio 2009

GIU' LE MANI DALLA SANITA' MENTALE!!!

Non so proprio da dove iniziare con questo post che mi sta veramente a cuore, il tema è la rifoma della legge 180 o legge Basagliana, per intenderci quella che istituendo il tso, ha permesso la chiusura dei manicomi...

No se de donde empezar con este post que me interesa mucho, que babla de la reforma de la ley 180 o ley Basaglia, la que, insituendo el tso, permetio de cerrar los manicomios...



Eviterò troppa teoria, termini tecnici che sto acquisendo, ma non potevo non fare dei richiami di approfondimento così che chi ne avesse voglia possa saperne di più, che non fa di certo male!

Forse, dovrei partire da uno dei punti del programma di Berlusconi su tale legge.

Quizar, tenia empenzar de uno de los punto del programme de Berlusconi sobre este ley.



Poi proseguire col parere dell'UNASAM ( unione nazionale per le associazioni della salute mentale)...

Despes seguir con el opinion dell'UNASA ( union nacional por las asociaciones de salud mental)...

Intervento al Convegno “Andare oltre la Legge 180 del 1978”
Roma 17 Dicembre 2008

...4) Il TSO

Per ciò che riguarda il ruolo del TSO nell’ambito di un programma terapeutico non ci sembra superfluo ricordare che il TSO non è in grado di risolvere, da solo, la variegata richiesta di assistenza alla persona con sofferenza mentale, ma è soltanto una misura che può consentire il superamento di momenti e circostanze particolarmente difficili, purché eseguito nei modi e nei luoghi adeguati: per essere giustificato, trattandosi comunque di un gravissima limitazione della libertà personale, deve essere perciò effettuato presso strutture ineccepibili sia dal punto di vista medico che ambientale; la sua durata non può essere predeterminata ma deve essere stabilita giorno per giorno in base al decorso clinico e alle effettive necessità del paziente e non, come avviene attualmente, determinata dalla urgenza di disporre di un posto letto per altri pazienti in attesa di ricovero; né può essere prolungata oltre lo stretto periodo di tempo necessario per ottenere un miglioramento consistente che consenta di affidare il paziente alla famiglia e alle strutture territoriali.Non abbiamo alcuna pregiudiziale sulla durata del TSO che deve essere dettata da considerazioni esclusivamente mediche, ma siamo contrari a qualsiasi forma di TSO definito “a priori”prolungato e riteniamo, pertanto, che la prescrizione di un TSO di sei mesi, oltre che dannoso e assurdo, contrasti con elementari norme giuridiche e con la stessa Costituzione. Più che modificare la legge, che, al di là di garanzie formali, consente tuttavia ancora oggi l’uso e l’abuso di una tale prassi, riteniamo che sia fondamentale la reale rispondenza del TSO alle sue finalità terapeutiche. Il problema principale infatti non è quello di assicurare l’osservazione formale di procedure di garanzia che nella pratica quotidiana finiscono fatalmente con lo scadere in una burocratica routine, quanto quello di garantire la cogenza e la piena attuazione dell’atto medico.

Discurso en la Conferencia "Ir paratras la ley 180 del 1978"

...4) Il TSO

En lo que respecta el papel del tso dentro de un programa de tratamiento no parece superfluo recordar que el tso no puede resolver, por si solo, la diversas solicitudes de asistencia a la persona con sufrimiento mental, pero es solo una medida que puede permitir de adelantar momentos y circustancias especialmente dificiles, a condicion que ejecutados en la forma prevista y en los lugares adecuados: y para justificarlo, ya que sin embargo es una grave limitacion de la libertad personal, por lo tanto, debe ser esgiudo en extruturas impecables desde el punto de vista medico y ambiental; su duracion no puede ser predeterminada entonces tiene que establecerse dia por dia a segun de la evolucion clinica y a las verdader necesitades del paciente y no, como se actua, determida por la urgenza de disponer de una cama por los pacientes en espera de hospitalizacion; tampoco puede ser prolongada mas alla del estrecho periodo necesario para obtener un mejoramiento valido que permite de dejar el paziente a su familia y a las extruturas teritoriales. No tenemos prejuicios sobre la durada del tso que debe ser dictada por consideraciones puramente medica, pero nos oponemos a qualquiera forma de tso definidas "antes" prolongado y creemos, por tanto, que la prescricion de un tso de 6 meses, asì como absurdo y prejudicial, contraste con la base juridica y con la misma Constitucion. Mas que modificar la lay, que, desde garacia formale, permite todavia el uso y abuso de estas praticas, creemos que sea fundamental la real respondencia del tso a sus finalidades terapeuticas. El principal problema no es garantizar el obseracion formal de procedimientos de garantia que en la pratica cotidiana termina fatalmente con el final de una rutina burocratica como para garantizar la union y la plena aplicacion de el acto medico.


Magari leggete anche sul forum della salute mentale la parte che parla dell'incotro in senato per discutere i decreti leggi promossi per andare oltre la legge 180...

Tutte queste citazioni perchè trovo corretto che prima di farsi un idea sia sempre meglio documentarsi ampiamente...

Io posso dirvi che per me un tso dovrebbe essere considerato un fallimento per gli operatori perchè non sono riusciti a instaurare un rapporto fiducia col paziente, dovrebbe durare il meno possibile ora esistono 7 giorni orientativi che non sono prefissati a priori, anche perchè vengono a mancare diritti fondamentali delle persone, per cui abborro l'idea che con queste riforme si voglia stabilire a priori un tempo minimo di durata rinnovabile, di tso, un ricovero contro la propria volontà, di 6 MESI!!!
E poi ribadiamo un concetto: non è che siccome sei ricoverato contro la tua volontà e prendi medicinali secondo la discrezione dei medici questo vuol dire che devi essere legato!!!

Qui ci stiamo muovendo per aprire le porte dei reparti spichiatrici e per ottenere che LE CONTENZIONI FISICHE SIANO ELIMINATE E CONDISERATE TORTURA!!!



Mio Dio ho tanto da dire e ho paura di fare un minestrone, si avvicinano le elezioni regionali qui in Sardegna, dove attendevamo da 30 anni un piano sanitario, dove la salute mentale più funzionale era maggiormente quella in mano ai privati, in questi due anni e mezzo di giunta non solo si sono pareggiati i conti, e sono stati fatti confluire dei mezzi economici a questa che sembrava essere medicina di seconda categoria...
Soru può non piacere, non essere perfetto, non ha sempre fatto bene ma potete contrallare qui il bilancio della giunta ad esempio...
Ho paura che anche questa terra finisca nelle mani della destra...vanificando gli sforzi, le lotte e gli enormi progressi in questo caso sulla salute mentale...


Vi consiglio un libro che io per prima voglio leggere si intitola Il manuale di augusta f
scritto da Giovanna Del Giudice edito da Sensibili alle foglie.

18 commenti:

JANAS ha detto...

Anch'io spero come te che i Sardi si sveglino e non facciano cavolate...a proposito di Soru...è evidente il tentativo di boicottarlo...secondo me ci tiene alla Sardegna!
ti mando un email a proposito delle prossime elezioni, mi è arrivata proprio due giorni fa!

JANAS ha detto...

Sardegna nel mio cuore

Cesco ha detto...

Mi sembra, ma vedrò di approfondire meglio, che la proposta di modifica della legge che riguarda il t.s.o sia un gigantesco passo indietro, al limite della restaurazione dei vecchi manicomi. E' inconcepibile un simile piano, perchè a tutti gli effetti non sembra affatto una legge pensata per il RECUPERO del paziente, bensì della DETENZIONE dello stesso, e quindi trova più analogie con i manicomi che con quelle che dovrebbero essere moderne strutture di cura psichiatrica.

p.s. Soru potrà anche essere antipatico a qualcuno, ma la sanità in Sardegna non ha mai funzionato così bene come in questi anni, sia dal punto di vista amministrativo che da quello terapeutico. La Dirindin, anche se ha fatto qualche scelta discutibile, sa il fatto suo.

Elsa ha detto...

Cara questo Paese ritorna indietro ogni giorno che va avanti, mai smettere di far sentire la propria voce. Bellissimo post!
Alle volte il personale di alcuni reparti dovrebbe avere maggior tatto e sensibilità invece...
che incazzoooooo.
Elsa

Vagamundo ha detto...

Ciao cara.
Ho letto tutto il tuo post, due volte, con gli allegati (quelli una volta sola)... Non riesco ad immaginare un modo piú piacevole di passare il sabato pomeriggio (oddio, pensandoci bene, forse sí...)...
comunque, ce ne fossero miliardi di minestroni cosí...

Se la Sardegna "cadrá" nelle mani delle destre... o per meglio dire in mano a gente che dei bilanci se ne frega, e che la sanitá, anche quella mentale, la considera un modo come un altro per lucrare (e fanculo la qualitá del servizio).... e vabbé, se il paese affonda che affondi tutto, isole comprese (La Sicilia, da questo punto di vista si é giá portata avanti da tempo).

UIFPW08 ha detto...

Concordo con te Ishtar

acquachiara ha detto...

Quando un primo ministro dopo certe decisioni, commenta la faccenda di Eluana dicendo che si tratta del fatto che una persona è in pericolo di vita ..... è tutto detto
Incomincio a pensare che la schifezza non abbia più nessun limite.
:-(((

Anonimo ha detto...

Siamo tutti con la Sardegna leggi Soru, in questo caos in questa vergogna di paese stiamo annegando.
Oggi durante il convegno ANPI regionale dal quale abbiamo ottenuto firma e appoggio circa il nostro appello anche da te firmato ho avuto notizie circa Soru.....sembrerebbe che potrebbe prendere il posto di Wolter
Stefania

lucagel1 ha detto...

Bellissimo post...sai tempo fà ho visitato un vero manicomio,per lavoro...mamma mia da brividi...indescrivibile...però mi permetto di dire che in determinate situazioni è necessario,certo non è la cura non è la soluzione...ed difficile cercare di generalizzarlo perchè ogni caso umano è a se stante...ed vero che ad alcune persone non si riesce nemmeno a somministrare la terapia...sarebbe bello non far arrivare queste persone a queste situazioni,aiutarle e sostenerle molto prima,a volte quando arriva il tso è tardi...
ciao buona settimana...

Blessing Sunday Osuchukwu ha detto...

Un bel post, un'argomento su cui rilettere seriamente....

l'incarcerato ha detto...

Un argomento scottante. delicato, e molta gente dovrà essere informata come stai facendo tu!
Qualche mese fa avevo scritto un post sui manicomi quando si vociferava che volessero cambiare la legge Basaglia...

Un abbraccio cara!

Ishtar ha detto...

Janas
hai fatto bene a linkarla qui la mail che la possano così leggere tutti, speriamo bene!
Ciao

Cesco
mi hai tolto le parole di bocca!!!
Pienamente daccordo con te...
incrociamo le dita...ciao

Elsa
per fortuna non sono tutti uguali se no non ci sarebbero questi cambiamenti...speriamo bene :)

Vaga
mio caro grazie del complimento, non sapevo proprio come scrivere questo post, troppe tante cose da dire...io la vedo diversamente però se esiste anche una sola speranza che si salvi una regione questo potrebbe pure essere di buona speranza e di iniziativa per la salvezza di altre...non basta una goccia a scavare la montagna?
Si, sono troppo ottimista, ma se smettiamo anche di sperare è fatta!
Una abbraccio caro :)

Massimo
ogni tanto capita di pensarla allo stesso modo, ciao

AC
e no non mettertici pure tu col pessimismo...uffa!!!
Ciao:)

Stefy
tesoro sarebbe una buona notizia questa...ora spero che le elezioni non vadano male...ti abbraccio tesoro :)

Lucagel1
io non sto discutendo o meno la necessità del tso, ho solo detto che se e quando si arriva a questo per me è una sconfitta per tutti, anche dei familiari intendo, e che si dovrebbe ricorrere al tso solo per casi veramente estremi, e non come purtroppo accade con leggerezza per motivi talvolta che nulla hanno a che fare con disturbi psichici magari per risolvere problemi di ordine pubblico, tanto ci sono i moduli prestampati e in un attimo tutto è fatto...
e con queste leggi si vuole proporre un termine a priori di durata minima di 6 mesi!?!?
Caio

Blessing
qui è un tema scottante...ciao

L'incarcerato
hai detto bene essere informati, appena posso cerco il tuo post e lo leggo, ciao

desaparecida ha detto...

Parlare di queste cose non è mai facile,e tu l’hai fatto dandone davvero un buon taglio.
Il TSO ritengo sia molto importante,proprio per quelle finalità per cui è nato.
Ovvero aiutare la persona in modo e strutture idonee a superare un momento di crisi in modo adeguato.Ecco perché non si tratta di rialibitazione e il tempo è relativo alla gravità del caso quindi non oltre i 7 (al massimo10 ) giorni.
Ed è in questo arco di tempo che si può aiutare la persona.Ed è questa la finalità del TSO,parlare di 6 mesi o anche più è semplicemente scavalcare il problema,anzi no scusami è scaricare il problema!
Come è tipico qua da noi dove si opera “occhio che non vede cuore che non duole”.
Un abbraccio

desaparecida ha detto...

ehm....scusami ishtar non ho voluto parlare appositamente dei metodi di tortura che vengono usati perchè non c'è da prenderli in considerazione.
Non si può pensare che esistano ancora metodi del genere!

sedemiuqse ha detto...

Muchos besos y amor para ti
je

Lúcia Russo ha detto...

Olá Ishtar,

Visita mio nuevo blog sobre mis pinturas y dibujos.
http://luciamrusso.blogspot.com
Muchos bejos,

Lúcia

sirio ha detto...

Complimmenti per questo post Ishtar,dimostra la tua sensibilità a questo terribile problema che mi risulta presente anche qui in Piemonte,forse non con casi così eclatanti.

Ciao,buona serata!

Ishtar ha detto...

Desa
grazie mia cara da "nuova" di queste tematiche sentirmi dire questo mi fa molto piacere, condivido appieno il tuo commento...Serve per le urgenze non per risolvere problemi di altro genere abusato e strabusato...
Un abbraccio :)

Carmen
me gustaria saber como se tratan estas tematica de psiquiatria de ti...besos :)

Lucìa
pronto lleguere a tu nuevo blog me gusta toda el arte, besos :)

Sirio
per fortuna ma sai sono solo pochi i casi che escono alla luce...per troppe ragioni, vergogna, ignoranza possibilità economiche...non si capisce che tacendo ci si rende complici di questo sistema...la situazione riguarda l'Italia tutta!!!
Ciao e buon fine settimana :)

Precisazioni

Questo blog non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.

L'autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti "linkati".

Buona lettura e buon divertimento!