Cerca nel blog

venerdì 13 marzo 2009

Per dovere di cronaca

Amici, come sapete da tempo, seguo questa vicenda con grande interesse, perchè coinvolge persone a me molto care...al di là dell'episodio gravissimo, questo procedimento è importante perchè importarti saranno i risvolti che si ripercuoteranno nella psichiatria sarda...e quindi sui pazienti.

Ci tengo a riportarvi alcuni particolare che non sono stati riportati dai quotidiani, e prestissimo anche il punto di vista del comitato che per questioni tecniche non ha ancora potuto divulgare nulla...anche se sempre presente in aula..

L'udienza di ieri pomeridiana è stata molto intensa, prima il perito di parte civile e poi la dottoressa Cantone imputata per omicidio colposo per la morte di Giuseppe Casu...

Alcune osservazioni:

Il perito di parte civile durante quasi tutta la testimonianza dell'imputata non riusciva a rimanere impassibile per le assurdità sentite che a mio avviso potevano essere considerate sul tragico ma allo stesso tempo comiche!
La dottoressa stessa ha reso plateale questo e il perito ha risposto semplicemente con un: " Sto zitto solo perchè devo!"

La dottoressa sostiene che il signor Casu durante il ricovero avrebbe ripetutamente dato pugni al muro, la figlia sostiene di averlo visto il giorno dopo di sera e di aver notato e segnalato lei la mano evidentemente gonfia e violacea, come mai dato che si è prestata particolare cura a questo paziente, come lei afferma, non si sono accorti loro della mano?

Dice che non lo hanno scontenuto perchè aggressivo, ma nei diari di contenzione non vi è nessuan segnalazione come anche scarseggiano nella cartella clinica, anche perchè è prasssi motivare per iscritto il perdurarsi della contenzione ( legare un paziente al letto ) oltre l'urgenza iniziale del ricovero, che solitamente non dovrebbe superare le 48 ore massime! E qui beh, 7 giorni!

Ma come se non bastasse, ma c'è da capirla cerca solo di difendersi... da un quandro di ospedalizzazione tale come se un tso, un ricovero contro la propria volotà, fosse un soggiorno in un hotel di lusso!

Ora pongo un quesito, si lo pongo a qualche medico che potesse capitare qui, ma non solo:

alla domanda sul perchè non fosse stato effettuato un test alcolemico al paziente al momento del ricovero e/o successivamente, la dottoressa risponde: "In tutto l'ospedale S.S. Trinità di Cagliari, non è possibile effettuarlo...

alla domando dell'avvocato di parte civile che sottolinea il fatto che non esistono documentazioni che attestino una dipendenza di Casu di alcolismo, oltre che dalle notizie fornite dal suo medico curante che lo seguiva da 12 anni, come anche riportato in caretella clinica, che escludeva l'alcolismo e l'abitudine del paziente di abusare di alcol, la dottoressa dice:
"anche se il suo medico curante ha detto che non era un alcolista, io ho ritentuto oppurtuno sentito l'alito e quello che mi aveva riportato la moglie che avrebbe bevuto quella mattina, anche se fosse stato un episodio sporadico ho preferito dare l'alcover per paura che morisse di astinenza..."

A questo punto il pm rincara la dose dicendo che l'alcover contrasta ed è sconsigliato in paziente epilettico, quindi dannoso, anche forte del fatto che il perito di parte civile precedentemente aveva spiegato che i segni dell'astinenza compaiono dopo tre giorni, e uno degli avvocati della dottoressa stessa fa precisare che l'alcover venne somministrato sia la sera del ricovero, che la sera dopo...
Che ne pensate di questo? Che dopo ogni ubriacatura dovremo assumere l'alcover per evitare di morire di astinenza!?!

12 commenti:

Guernica ha detto...

Replico alla tua precedente risposta prima! Le distanze si accorciano ogni tanto, ma io vorrei un bel paio di forbici per tagliarle completamente e subito... Lo so, lo so che sono una Guernica impaziente!;) Non resta che aspettare!:)

Per quanto riguarda il caso di cui parli, dovrei documentarmi meglio. A livello nazionale non ne ho sentito parlare molto.
Non vorrei scrivere cavolate.Non mi piace parlare per dar fiato alla bocca solo!
Un abbraccio!

Guernica ha detto...

Grazie.

sirio ha detto...

Non conosco la realtà degli ospedali sotto questo aspetto,certo mi suona molto strano che un presidio non sia in grado di effettuare un test alcolemico...!

Ciao Ishtar,spero solo che il tribunale faccia giustizia!

Un caro saluto.

liberoPensieRoberto ha detto...

Più va avanti, e più questo processo si trasforma in una specie di farsa.
Un teatrino, dove gli imputati o i periti ormai possono dire un po' quello che gli pare, per un semplice e banale motivo: più passa il tempo, più ci si allontanerà dalla verità.

Baaahhh, che schifo!

musicista di strada ha detto...

mi posti uno o più link?
Non conosco l'argomento ma mi interessa
Ciao grazie

il portapizza ha detto...

Questa storia puzza di marcio da lontano! e ogni tuo post lo conferma...
speriamo di avere presto GIUSTIZIA!

Simo

stellavale ha detto...

Che giustizia arrivi..

lucagel1 ha detto...

§Ciao Ishtar,buon w end...un abbraccio

Blessing Sunday Osuchukwu ha detto...

E che cronaca.....
Ti auguro buon weekend!

sedemiuqse ha detto...

Besos a mi niña y mucho amor
je

Ishtar ha detto...

Guernica
come hai già notato ho riportato da te link utili affinchè possa farti una tua idea, posso solo dire che io in aula ci sono sempre e sento tutto non mi baso solo sulla stampa...
Un abbraccio e buona giornata :)

Sirio
hai colto bene Sirio mi sono sentita in dovere di riportare quello che non hanno riportato i giornali, sai quando ci ferma una pattuglia noi stessi possiamo decidere che il test alcolemico ci venga effettuato in ospedale anzichè sul luogo...
Attendiamo che il tempo e il tribunale faccia il suo corso, buona giornata :)


non sono daccordo, che i giornali scelgano cosa riportare o in cosa concetrare le notizie è un conto, ma è in tribunale che si svolge il processo...e mi pare che le cose siano emergendo pian piano, pur non illudendomi ora mi baso sui fatti...
A presto e buona giornata ciao :)

Musicista di strada
ti ringrazio per il tuo interessamento, è poco noto il caso, un unico servizio televisivo al riguardo, poi i familiari una volta approdato il fatto in un processo ora addirittura due, ha preferito stare lontana da tv e trasmissioni, altro discorso per la stampa scritta...per fortuna almeno quella locale segue anche grazie al lavoro del comitato nato per sostere i familiare ad ottenere la verità e poi la giustizia....
Buona giornata.

Simo
già ben ritornato, ecco hai colto la puzza di bruciato spero sia arrivata a molti...poi vedremo col tempo come procedono i due processi io continuerò ad aggiornarvi, buona giornata.

StellaVale
speriamo, buona domenica un abbraccio :)

Lucagel1
buona domenica, ciao :)

Blessing
e si, che cronaca, non sapevo ridere o sdegnarmi...buona domenica, ciao :)

Sede
a ti tambien querida :)

Jasna ha detto...

cara ISY , sai che ti seguo da un'anno ... so che questa vicenda ti sta a cuore... e mi auguro con tutta me stessa che almeno per una volta la giustizzia italiana faccia il il suo corso ... ma in molti passaggi mi sembra una gran presa per il culo nei confronti di un'essere umano che ha perso la vita per negligenza altrui....

Precisazioni

Questo blog non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.

L'autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti "linkati".

Buona lettura e buon divertimento!